Tag

,

La Suprema Corte (Sez. I Civ. Sentenza n° 4945 del 27 febbraio 2013) ha chiarito nuovamente che rientrano nella competenza del Tribunale per i Minorenni, si sensi del combinato disposto degli art. 330 c.c. e 38 disp. att. c.c., soltanto le domande finalizzate ad ottenere i provvedimenti di decadenza della potestà genitoriale, mentre rientrano nella competenza del Tribunale ordinario, in sede di separazione personale dei coniugi, le pronunzie di affidamento dei minori nonchè le modalità di affidamento; né vale  a spostare la competenza presso il Tribunale per i Minorenni l’allegazione di un grave pregiudizio per i figli minori, se tale deduzione non è intesa ad ottenere un provvedimento ablativo della suddetta potestà.